domenica 8 gennaio 2012

Rene-Maurice Gattefossé, padre dell'aromaterapia

Rene-Maurice Gattefossé
Rene-Maurice Gattefossé è considerato uno dei padri fondatori della moderna aromaterapia

Nato nelle vicinanze di Lione nel  1881 morì  nel 1950 a Casablanca.

Terzogenito di 5 figli già in tenera età era circondato dal mondo delle fragranze.   


Il padre Louis, fondò la società Gattefossé nel 1880 e fu  rappresentante di società estere per la produzione di oli essenziali, paraffina liquida, prodotti chimici, materie prime per profumeria .

Rene-Maurice si laureò in ingegneria chimica e diresse l'omonima società GATTEFOSSE' durante la prima metà del ventesimo secolo



Inizialmente l'azienda si occupò solo della produzione di profumi, ma con il tempo si svilupparono anche la dermatologia e la cosmetologia.  La ricerca  su queste nuove aree coinvolse naturalmente l'aromaterapia, già sviluppata per le attività di profumeria.

Renè-Maurice Gattefossé credeva fermamente nel progresso della scienza ma nello stesso tempo non dimenticava l'importanza delle conoscenze derivanti dalle tradizioni, frutto di secoli di esperienza e cercò di combinare questi diversi saperi.


Mentre René-Maurice diventa responsabile per la ricerca su essenze e profumi, lavorando attivamente allo sviluppo e alla stabilizzazione di fragranze sintetiche, il fratello maggiore Abel fu responsabile per il commercio e l'amministrazione,  


Nel 1906 René-Maurice pubblica la "Guida pratica della profumeria moderna", che fu più volte ristampato.  In seguito a questo successo furono realizzate altre pubblicazioni che permisero alla società Gattefossé di avere una reale influenza nel mondo scientifico. 

Nel 1907, il fondatore, Louis Gattefossé, uscì dalla società.  Rene-Maurice, 26 anni, e Abel si associarono e crearono una partnership ", Gattefossé & Son". 

 
Quello stesso anno Rene-Maurice iniziò, su richiesta del presidente dei sindacati agricoli del Sud-Est, una campagna di conferenze nell' alta Provenza per migliorare la coltivazione della lavanda e organizzare razionalmente piantagioni e distillerie.  

A quel tempo, su quella terra arida, la raccolta di lavanda selvatica bastava solo per soddisfare le esigenze della vita quotidiana. Si deve a René-Maurice la scoperta delle proprietà terapeutiche della lavanda e questo si trasformò in una una storia di successo che alla vigilia della guerra portò all'aumento di produzione e prezzi.

Nel 1908 venne fondata una rivista di prestigio la "Profumeria moderna", allo scopo di sostenere gli interessi dell'industria dei profumi francese.


Nel 1910, il giorno della nascita del suo primo figlio, Rene-Maurice è vittima di un'esplosione nel laboratorio dell'azienda.  Gravemente ustionato si cura secondo i mezzi della medicina tradizionale del tempo ottenendo però dei peggioramenti. Rimuovendo le bende ed applicando sulle ferite infette dell'olio essenziale di lavanda i risultati sono impressionanti, a conferma delle sue intuizioni: l'essenza di lavanda ha elevate proprietà antisettiche che portano a reale guarigione.



Durante la prima guerra mondiale, Rene-Maurice fu volontario nonostante la sua miopia, ed assegnato al 109° Reggimento fanteria territoriale come motociclista. Ferito, nel 1915 fu inviato al soffiaggio di Feyzin come ingegnere chimico. I due fratelli, Abel e Robert, morirono nel conflitto.  


Con l'epidemia di influenza spagnola nel 1918, Rene-Maurice fece nuove esperienze urilizzando sostanze aromatiche come disinfettanti e miscele di oli essenziali, contenenti anche la salvia.


Nel 1919, morto anche il padre, Rene-Maurice si ritrova da solo alla testa della società.  Crea, insieme ad altri, la Società Francese di aromatici, ex strutture Gattefossé & Son.  L'azienda si trasferisce in locali di grandi dimensioni, Crémieux.  Inizialmente, Rene-Maurice detiene solo l'8% del capitale, ma contempla la direzione generale della società. Vengono create diverse  e nuove linee di prodotto: profumi di sintesi, insetticidi, composizioni per le cure igieniche della pelle. Verso la fine degli anni '20 il catalogo dei prodotti è molto ricco ma non altrettanto il risultato economico. Nel 1928, la fatica ed il dispendio di energie lo portano a pensare di ristrutturare la compagnia secondo il motto "Il denaro non dovrebbe essere un maestro, ma un servo".


Quello che Rene-Maurice perde in potenza industriale, guadagna in libertà di decisione e il tempo speso per la sua ricerca personale.  

Nel 1930, il capitale societario diventa strettamente familiare. Accanto alla gestione della società; Rene-Maurice moltiplica gli articoli e libri sulla oli terapeutici essenziali.  

E 'attivo nella fondazione della Industriale Commerciale e Agricola Associazione (AICA), che assumerà la vice-presidenza per 27 anni, e poi la presidenza, dal 1945.  




Gattefossé è anche fuori servizio, Presidente dell'Unione di lavanda francese, uno dei membri fondatori del Comitato della Fiera di Lione e del Rotary Club, vice-presidente della associazione di categoria del profumo del Rodano, direttore della scuola di studio per la Galeno non vedenti, Ispettore Regionale di Educazione Tecnica, membro della Società Archeologica Rodhania associazione e Patologia Comparata, candidato sindaco di Saint-Remy de Provence, ecc.

Nel 1932, il figlio Henri-Marcel, anch'egli ingegnere chimico, entra in azienda.  Cura i rapporti con i medici di Lione, il dottor Porta e il dottor Jonquières.  



Nel 1937, Rene-Maurice pubblica "Aromaterapia" il libro che raccoglie le sue pubblicazioni precedenti dedicato agli oli terapeutici essenziali con le osservazioni cliniche tra il tempo passato in ospedale, tra medici e Porta Jonquières. La seconda edizione di Aromaterapia, iniziata nel 1942, non venne ma mai pubblicata: lo sviluppo contemporaneo della ricerca sugli antibiotici sembra aver arrestato il lavoro.




Dopo la guerra ha pubblicato nuovi libri sulla cosmetica e la dermatologia estetica, frutto della collaborazione con il figlio Henri-Marcel e il Dr. Jonquières. La "profumeria moderna", che è stato interrotto durante la guerra riprese nel 1947, specializzata in forma di opuscoli. 




Nel 1950, Rene-Maurice pubblicò un trattato di cosmetologia e profumeria. Questo è il suo ultimo libro. Morì improvvisamente a Casablanca, in Marocco, quando era in visita a suo fratello minore Jean.




Dopo la sua morte, Henri-Marcel, Emile Mahler e il marito si divideranno le responsabilità all'interno della società: un ramo nella ricerca veterinaria e l'altro nella ricerca dermatologica.




Attualmente, l'azienda Gattefossé continua ad operare (il capitale è ancora in famiglia).  

E 'specializzata nella fornitura di eccipienti per l'industria farmaceutica, cosmetica ed aromaterapia.

Se l'opera scientifica di René-Maurice Gattefossé era ed è conosciuta dai  profumieri ed aromaterapeuti di tutto il mondo, non meno interessanti sono i suoi scritti filosofici che meritano una menzione speciale soprattutto quelli di carattere archeologico.

Tutta l'opera di René-Maurice Gattefossé rivela una personalità ricca e complessa.  

Inventore bambino, René-Maurice fu da sempre posseduto da una curiosità scientifica inesauribile.   
Incallito modernista si è interessato a tutte le tecniche introdotte dal suo tempo scrivendo testi televisivi, ragionando di teorie freudiane, utilizzando forme moderne di propaganda (pubblicità).  
Praticante di fotorafia e delle prime forme di filmografia  realizza un breve documentario sulla lavanda: "Il fiore di lavanda francese." 

Appassionato di tutti i problemi scientifici, gli piace spesso parlarne pubblicamente acquisendo una reputazione come esperto di tematiche quali archeologia, preistoria, psicologia ... 


L'originalità del suo pensiero da forma ad espressioni moderne ed audaci che comunque si rifanno ai classici.
Attinge e spesso si interroga sulla nascita di antichi miti, leggende e tradizioni, scoperte archeologiche. Arriva a scrivere libri su queste tematiche che spesso sono delle vere e proprie provocazioni, alla cui base rimangono comunque le domande sulla nascita dell'uomo primitivo.


È affascinato dalle scritture primitive, cercando in esse una matrice comune. 
Nel 1925 pubblica un libro sulla scrittura preistorica. 
Appassionato di filosofia e simbolismo, ma anche di astronomia gli interessi di Gattefossé appaiono insaziabili e ne dipingono una figura singolare e molto vivace. 

Nel 1940, René-Maurice, compra in provenza,  la fattoria Belille di quasi 8 ettari, necessaria per la produzione di piante aromatiche e loro distillazione. È un periodo difficile, ma questa fattoria garantirà all'azienda un costante rifornimento di materie prime. 

Questa casa è anche un rifugio di pace, un paradiso "ritrovato", dove potè scrivere le sue ultime opere. Molti manoscritti rimasero inediti, e sono custooditi dalla famiglia a testimonianza dell'uomo pieno di idee a favore di una migliore conoscenza delle facoltà dell'uomo, sul rapporto tra materia, spirito e energia interiore.



2 commenti:

  1. Alcuni anni fa ( sembrano secoli ormai ) trovai un suo libro sulla profumeria, presso la biblioteca universitaria di Catania. Ricordo bene che non potevo averlo in prestito ( troppo prezioso ) e per questo lo consultavo in sala lettura, trascrivendo le descrizioni delle materie prime. Peccato che quel piccolo lavorò andò perduto...

    RispondiElimina
  2. Il chimico francese Rene-Maurice Gattefossé ha dato origine all'aromaterapia moderna. Nel 1910 scoprì le virtù possedute dall'olio essenziale di lavanda . Si conosce poco sulla sua vita, però scrisse diversi libri sull'utilizzo degli oli essenziali, per curare differenti affezioni. Questo articolo riporta le tappe fondamentali delle su scoperte, è davvero ben fatto. Complimenti all'autore.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...