sabato 22 febbraio 2014

Fitoterapia: Abete


Questi alberi sempreverdi sono molto diffusi nella nostra vegetazione. Il Pinus Sylvestis è un albero alto 20-30 mt con chioma rada e irregolare. 

Costituenti chimici

L’essenza di pino si ottiene in corrente di vapore dalle foglie aghiformi, dai giovani rami e dalle gemme chiuse, ricche di resina. Gli olii essenziali  contengono a e b pinene, limonene, canfene, trementina. Per distillazione in corrente di vapore della corteccia di Pino e della sua resina si ottiene l'essenza di trementina. 
In fitoterapia l’abete è impiegato per le sue proprietà balsamiche, espettoranti, leggermente


antisettiche ed è quindi un valido aiuto per la cura dei disturbi dell’apparato respiratorio come per i raffreddori, le influenze, le bronchiti, le polmoniti, l’asma e le tracheiti.  E’ un buon rimedio anche per le infezioni delle vie urinarie come la cistite, in caso di impotenza e nella gotta. 
L'essenza di abete ha anche un’azione rubefacente, cioè stimolante la circolazione sanguigna ed è un ottimo rimedio per la cura dei reumatismi articolari.
Olio essenziale ricco in terpeni e trementina; è utilizzato per massaggi esterni contro dolori reumatici e per massaggi toracici nelle forme catarrali croniche dell'apparato respiratorio.

Azione farmacologica e proprietà terapeuticheantisettico e balsamico delle vie aeree, secretolitico, antiinfiammatorio. Utile nelle cistiti, uretriti, colibacillosi.

Preparazioni e dosi: 
Tisana: lasciare in infusione per 20 minuti le gemme di pino al 5% e somministrare una tazza calda ogni tre ore. Un cucchiaino da tè corrisponde a due grammi di droga. 
Estratto fluido: gtt, tre volte al dì. 
Tintura soluzione idroalcolica: 75 gradi, al 20%. 
Estratto secco: 300 mg pro dose, 1 cps ogni tre ore. 
Olio essenziale: il Pinus pumilio (Mugolio) è adoperato per istillazioni nasali, due - tre gtt per narice, all'1 - 2%, in vasellina. 

Controindicazioninei bambini al di sotto dei tre anni e nei soggetti predisposti al broncospasmo. 

Effetti collateraliforti irritazioni su cute e mucose. Possibili reazioni irritative o allergiche locali o sistemiche.

Raccomandazionil'olio essenziale a caldo sulla cute può produrre scottature. Conservare in recipiente ben chiuso, al riparo dalla luce. Se ne consiglia l'associazione con il timo. Si sconsiglia l'uso per via orale.



1 commento:

  1. Avrò almeno 10 boccette do oli essenziali purissimi, ma il pino mi manca.
    Non l'ho preso in grande considerazione, ma forse ho sbagliato; leggendo il tuo post trovo interessanti alcune proprietà. Rimedierò!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo contributo. Tutti i commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...